Progetto "Adotta una quinta"- Visita all'HS Hospital Service Aprilia

HP 2015La mattina del giorno 31 marzo 2015, alle ore 9:30, gli studenti della classe VE si sono ritrovati davanti l'ingresso dell'azienda HS- Hospital Service di Aprilia per la visita programmata nell'ambito del progetto "Adotta una quinta".

Ad accoglierci iI sig. Parisi Responsabile Progettazione HW&SW insieme ai signori Massimo Brancaleoni Responsabile Controllo Qualità e Servizi Tecnici e Massimiliano Iacobbi Responsabile Progettazione Meccanica.
Dopo averci fatto accomodare nella sala conferenze ci ha raggiunti Dott. Pietrobono Luca Amministratore Delegato dell'Azienda.
Il dott. Pietrobono ha illustrato in generale l'Azienda e il sig Parisi ha fatto un'introduzione alle competenze tecniche dell'azienda.
HS nasce nel 1980 con l'obiettivo di promuovere la diffusione in Italia delle nuove metodiche mini-invasive di diagnostica interventistica e ha introdotto per prima sul mercato nazionale una nuova generazione di prodotti per biopsia eco-guidata.
Negli anni HS ha consolidato la propria leadership, in Italia e nel mondo, nel campo dei dispositivi per interventistica, critical care, terapie interstiziali, chirurgia mini-invasiva e da oggi anche per oncologia.


Attraverso la costante collaborazione con operatori medici qualificati, con numerosi enti di ricerca ed università e con importanti poli tecnologici di settore, HS s'impegna quotidianamente a ideare e realizzare prodotti innovativi per garantire ai pazienti il minimo trauma e la massima qualità di vita. L'accurata scelta dei materiali, l'elevato standard dei processi costruttivi, la competenza e professionalità del personale dedicato alla ricerca, all'ingegnerizzazione e alla produzione rappresentano il nostro impegno verso la salvaguardia concreta del bene più prezioso: la salute.
Obiettivo centrale dell'Azienda è alleviare la sofferenza.
Ogni prodotto viene realizzato all'interno dell'Azienda stessa in tutte le sue fasi. dalla progettazione alla produzione finale.
Il packaging dei prodotti viene eseguito all'interno di due Clean Room classi 10.000 e 100.000. All'interno di questi ambienti ci sono: le postazioni del personale qualificato che svolge le lavorazioni manuali di imbustamento e controllo e due blisteratrici, una manuale e l'altra automatica, che assicurano una capacità produttiva in grado di soddisfare tutte le richieste di produzione con elevati volumi di vendita.
In un altra area dello stabilimento, invece, vengono prodotte da alcuni operatori le sonde a microonde e radio frequenza; li è presente anche una Stampante 3D per la prototipazione dei "gusci" delle sonde.
Il reparto in cui ci siamo soffermati più in dettaglio è stato l' R&D.
L'unità di ricerca e sviluppo di HS integra competenze multidisciplinari in campo elettronico, meccanico, fisico e biomedico per generare innovazione, accrescere la conoscenza e trasformare le idee in prodotti, spaziando su tutto il fronte della tecnologia al servizio della medicina. Il reparto R&D consta di un'unità tecnico-scientifica che si occupa delle attività di laboratorio e interagisce con i partner tecnologici e scientifici di HS, di un'unità di progettazione deputata allo sviluppo pre-industriale dei nuovi prodotti-, di un'unità clinica e biomedica che s'interfaccia con il mondo medico per raccoglierne dati, richieste, feedback- e di un'unità di assistenza tecnica per i servizi di supporto tecnico su tutte le apparecchiature prodotte o distribuite da HS.
Il macchinario che ha destato notevole interesse e curiosità da parte dei ragazzi è stato Il dispositivo fiore all'occhiello dell'azienda: il sistema HS AMICA.
Questo apparato di cui l'azienda possiede il brevetto è un sistema innovativo per la termoablazione interstiziale a microonde e a radiofrequenza.
I ragazzi hanno posto numerose domande, anche perché il progetto a cui stanno lavorando è legato a questo dispositivo.
HS AMICA, apparato unico nel suo genere, ed è l'unico al mondo ad utilizzare due tecnologie (radiofrequenza e microonde)in unico generatore. I ragazzi hanno potuto vederne il funzionamento e la simulazione di ablazione di un tumore.
In conclusione, è stata una mattinata molto ricca e interessante!

Alessandra de Vitis

 

Avviso: su questo sito si utilizzano i cookie!


Se vuoi saperne di più  fai click sul link "No, dammi maggiori informazioni" per leggere l'informativa sui cookie. Facendo click sul link "Si, accetto" acconsenti ad utilizzare i cookie e potrai continuare a navigare nel sito.