IV TLC: continua l’esperienza coi tecnici della Centrale TELECOM Latina Est

1.resized

Mercoledì 26 aprile, gli studenti delle classe IVa di “Telecomunicazioni” sono stati ospitati nella sede della Telecom Italia in via Monti Lepini 29, a Latina, dov’è ubicata la Centrale Telefonica “Latina Est”, ripetendo l’esperienza positiva iniziata lo scorso anno dai loro compagni di quarta.
Gli alunni, accompagnati dai proff. Roberto CAPPONI e Francesco PIRANI, sono stati accolti dai tecnici di Telecom Italia sig. Alessandro GIANNINI ­ Coordinatore Gestione Attivazioni Collaudi Apparati in Fibra Ottica Lazio ­, sig. Sergio Bruno PETRO’ ­ Progettista Rete Fissa Lazio ­, sig. Gianpiero MATTONI ­ Gestione Materiali di Scorta per Rete Fissa e Mobile ­, e dal Sig. Valentino SEGRADIN ­ Settore Fibra Ottica ­.
2.resizedFatti accomodare in "Sala Riunioni", il sig. GIANNINI, dopo il benvenuto agli ospiti e riportato il saluto del Responsabile Struttura Delivery & Assurance Lazio, dott. Stefano ZULIANI, che ha reso possibile l’evento, ha illustrato sinteticamente la struttura organizzativa del gruppo TELECOMITALIA/TIM.
Essi appartengono alla struttura nazionale “Open Access”, una struttura autonoma e separata dalle funzioni commerciali che ha come compito principale la gestione, la pianificazione, lo sviluppo e la razionalizzazione della rete di accesso nonché la manutenzione delle relative infrastrutture ed il presidio integrato dei processi di delivery e assurance dei servizi alla clientela, interna ed esterna.
3.resizedIn pratica, la struttura Open Access presidia i processi afferenti al segmento di accesso alla rete, cioè quello comunemente definito “ultimo miglio” ed è l’unica struttura di Telecom Italia che garantisce gli interventi tecnici on field distribuita sul territorio italiano su quattro macroaree, AOA (Access Operations Area): Nord_Est (Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Veneto, Marche e Umbria), Nord_Ovest (Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardia), Centro (Liguria, Toscana, Lazio, Sardegna, Abruzzo, Molise), Sud (Puglia, Campania, Basilicata, Calabria, Sicilia). Ogni macroarea è poi formata da sette AOL (Access Operations Line).
Loro, Latina, appartengono all’AOL Lazio della AOA Centro (Roma è un’AOL a parte), dove operano 600 tecnici – intervengono nelle centrali telefoniche e presso i clienti – e 150 unità di governo – operatori interni che gestiscono gli ordinativi quali nuovi impianti, rientri da altri operatori telefonici, traslochi o cessazioni e fanno da supporto ai tecnici esterni per i guasti –, le cui sedi sono Latina, Viterbo Frosinone, Rieti e Albano.4.resized
Giornalmente lavorano circa 700 ordinativi di delivery, relativi a nuove attivazioni, cambi operatore ecc. e circa 600 guasti giornalieri, oltre naturalmente a tutte quelle attività di prevenzione e manutenzione della rete di accesso.
A Latina sono presenti 3 centrali telefoniche, Latina Centro, la più grande, Latina Sud e la centrale di Latina Est, quella della nostra visita, una centrale di medie dimensioni ma dove sono presenti più apparati di giunzione con altre centrali – ponti radio, apparati trasmissivi in tecnica SDH (Synchronous Digital Hierarchy), apparati Add-Drop Multiplexer (ADM) in fibra ottica – e punti di rigenerazione su linee di transito Roma/Napoli.
GIANNINI ha poi proseguito descrivendo, in modo tecnico ma didatticamente chiaro e semplice, la struttura costitutiva di una rete telefonica, soffermandosi alla struttura di una rete di accesso e alla sua evoluzione per la fornitura di accessi a banda larga e, inoltre, mettendo soprattutto in risalto l’aspetto e le problematiche di installazione.
Successivamente, ha preso la parola il sig. PETRO’ per illustrare in modo sintetico l’evoluzione storica delle tecniche di codifica e multiplazione nelle reti telefoniche (tecniche di codifica PCM e multiplazione FDM, TDM) nonché i sistemi di trasmissione TDM di tipo PDH e SDH, attuali. E’ intervenuto, poi, il sig. MATTONI, che, in generale e con linguaggio semplice, ha accennato agli autocommutatori, descrivendo a blocchi il principio di funzionamento di una centrale telefonica.
5.resizedPer ultimo è intervenuto il tecnico sig. SEGRADIN, che ha parlato di utilizzo e connessioni in fibra ottica impiegata nella nuova tecnologia Banda Ultra Larga per le reti di nuova generazione, intendendo tutte le tecnologie di rete che permettono di offrire connettività da 30MBit/s fino a oltre 1GBit/s. Per ottenere queste velocità di connessione sono impiegate tre tecnologie distinte:
FTTCab - Fiber to the Cabinet (fibra fino agli armadi), con velocità attualmente fino a 100 Mbit/s, che con l’evoluzione tecnologica in corso potranno presto arrivare fino anche a 200 Mbit/s;
FTTB – Fiber to the Building (fibra fino agli edifici), con velocità da 100Mbit/s a 1 GBbit/s;
FTTH – Fiber to the Home (fibra fino agli appartamenti), con velocità che potranno superare 1 GBit/s.
Gli alunni hanno seguito con molta attenzione e vivo interesse i temi proposti dai tecnici ed hanno anche interloquito rivolgendo loro domande molto pertinenti.

6.resizedSuccessivamente, dalla sala riunioni, gli alunni, divisi in due gruppi, sono stati accompagnati dai tecnici a visitare la centrale telefonica vera e propria, nella sua reale costituzione; è qui che hanno potuto fisicamente “toccare con mano” i sistemi e gli apparati, di cui si era parlato in precedenza ed approfondito in classe, – permutatori, piastre di utente lato autocommutatore, apparati di trasmissione/ ricezione digitali, fibre ottiche

Infine, allestendo adeguatamente un banco, i tecnici guidati da SEGRADIN hanno spiegato e mostrato dal vivo come si realizza una giunzione a fusione fra due fibre ottiche, invitando poi gli alunni a provarci. Gli alunni hanno accolto con piacere l’invito e si sono “cimentati” in maniera egregia ricevendo il plauso dai tecnici, che li hanno anche esortati ad impegnarsi molto nello studio così da diventare bravi tecnici.
Per i nostri allievi la giornata è stata un incontro formativo molto intenso sia per contenuti che per partecipazione, finalizzato ad approfondire competenze tecniche specifiche.
Al termine della visita, il prof. Capponi, a nome di tutti, ha ringraziato i tecnici Telecom Italia per la disponibilità e l’accoglienza dimostrata.

Roberto Capponi

Avviso: su questo sito si utilizzano i cookie!


Se vuoi saperne di più  fai click sul link "No, dammi maggiori informazioni" per leggere l'informativa sui cookie. Facendo click sul link "Si, accetto" acconsenti ad utilizzare i cookie e potrai continuare a navigare nel sito.